Ansia da matematica, così i genitori non devono contagiare i figli!

0
192
Bambini matematica

Si parla, spesso e volentieri, in ambito scolastico di ansia da matematica. Ebbene, non è una vera e propria leggenda, dal momento che questa “paura” esiste sul serio. La conferma arriva da una ricerca svolta in Inghilterra, sostenuta da un gruppo di ricercatori che hanno studiato a fondo il comportamento di bambini e ragazzi in un percorso che va dalle elementari fino alle superiori.

L’indagine non ha coinvolto solamente dei ragazzi inglesi, ma anche degli studenti in Italia. Ebbene, il riscontro dei ricercatori è stato piuttosto franco, ovvero che sono in modo particolare i genitori e gli insegnanti stessi a trasmettere l’ansia da matematica nei confronti dei figli/studenti.

Ansia da matematica, una ricerca che arriva dall’Università di Cambridge

Insomma, l’ansia da matematica esiste sul serio e si comincia a diffondere molto presto, già verso l’età di sei anni. Il report arriva direttamente dall’Università di Cambridge, che ha svolto ben 2700 interviste a dei bambini, dalle scuole elementari fino alle scuole superiori, sia in Gran Bretagna che in Italia. La colpa, di questa particolare ansia, è tutta dei genitori.

Infatti, stando a quanto riportato nel report, pare che sia i maschietti che le femminucce si trovino a che fare con delle emozioni piuttosto negative nei confronti della matematica. Tale gamma di emozioni comprende spesso sia la rabbia che la disperazione. Inoltre, da queste indagini è emerso come l’ansia può insorgere dai sei anni in avanti, ma è una situazione che non va a colpire esclusivamente gli studenti che hanno cattivi voti, ma anche chi ha voti normalissimi e anche ottimi. Anzi, addirittura il 77% di chi soffre di questo tipo di ansia, ha dei voti ampiamente sufficienti.

Stando a quanto è stato riportato da parte degli specialisti, sembra proprio che sia necessaria un’evoluzione del rapporto tra genitori e insegnanti. Entrambe le parti, infatti, devono sviluppare la consapevolezza relativa al fatto che l’ansia da matematica è reale e può provocare numerosi danni alle prestazioni dello studente tra le mura scolastiche.

Il pensiero degli esperti

Insomma, è normale che anche l’ansia dei genitori possa facilmente essere trasmessa ai figli. Secondo il pensiero di Ros McLellan, co-autore in questa ricerca, per i genitori è importante provare ad affrontare le proprie ansie riguardanti la matematica: è la prima cosa da fare per dare una mano ai figli, così come agli studenti.

Secondo il pensiero di Josh Hillman, colui che dirige il settore Educazione presso la Nuffield Foundation, sostiene come il successo in una materia come la matematica sia davvero molto importante dal momento che rappresenta la base per tutte le altre materie. Una valutazione positiva riguarda la matematica, inoltre, diventa un dato di riferimento anche in merito alla ricerca di opportunità di lavoro, così come per quanto concerne la salute.

Commenti

commenti