Dispositivi hi-tech: le linee guida per proteggere i bambini

0
39
dispositivi hi-tech bambin

Si parla spesso e volentieri di come la salute dei bambini possa essere messa a repentaglio per colpa di un utilizzo smodato dei dispositivi hi-tech. Ebbene, un gruppo di ricercatori inglesi non ha fatto altro che individuare delle linee guida, sia in ambito sicurezza che per quanto concerne la privacy, che permettono di proteggere meglio i bambini.

Diversi scienziati inglesi che lavorano presso la Lancaster University hanno sviluppato, tramite una nuovissima ricerca, delle innovative linee guida che mirano a dare una mano a tutti coloro che progettano i device mobili. L’obiettivo è quello, già in fase di sviluppo di tali dispositivi, di inserire delle salvaguardie per i bambini.

Dispositivi hi-tech IoT e i rischi dietro l’angolo per i bambini

Al giorno d’oggi, infatti, non è certo difficile capire come i bambini si sviluppino in un mondo che è costantemente connesso e che sembra non poter più rinunciare nemmeno per un attimo alla tecnologia. In alcuni casi, con un impiego non corretto, tali dispositivi si possono trasformare in un vero e proprio pericolo per i bimbi che li utilizzano.

Questo insieme di rischi comprende senz’altro il bullismo, piuttosto che l’abuso tra gli stessi bambini, l’abuso o atti di pedopornografia da parte di adulti, ma anche l’importanza di gestire i propri dati personali in modo sicuro. Insomma, privacy e sicurezza sono i due ambiti che sono maggiormente a rischio da questo punto di vista.

Lo studio in questione mira mettere a disposizione prima di tutto di chi progetta tali device diverse misure che possano essere il più possibile utili per ridurre ai minimi termini tutti quei pericoli connessi all’uso dei dispositivi. In questo modo, i vari dispositivi IoT, spesso e volentieri, presentano un funzionamento che viene totalmente ignorato da parte dei genitori e, di conseguenza, questi ultimi si potrebbero trovare in difficoltà nel proteggere i propri figli.

Un aiuto per i progettisti per capire come intervenire

L’obiettivo è quello di fare in modo che i progettisti di dispositivi IoT possano realizzare degli apparecchi che siano in grado di far divertire i bimbi, ma che al contempo rendano sicura sotto tutti gli aspetti tale esperienza di apprendimento.

I risultati dei vari gruppo di bambini che sono stati coinvolti in alcuni test da parte della Lancaster University, hanno permesso di far capire meglio ai progettisti quali siano gli scenari più pericolosi e come sia necessario intervenire per garantire in maniera più completa la protezione dei dati sensibili dei bambini.

Commenti

commenti