Equitazione e bambini: perché fa bene andare a cavallo

0
20
equitazione e bambini

Spesso si parla di discipline sportive come calcio, danza, pallacanestro e nuoto, senza nemmeno prendere in considerazione un rapporto più stretto con la natura e con gli animali. Ebbene, il rapporto tra equitazione e bambini, ad esempio, viene poco menzionato tra le attività che vanno bene per i bambini eppure riesce a garantire diversi effetti positivi per i più piccoli.

Infatti, andare a cavallo non rappresenta esclusivamente un’attività sportiva importante dal punto di vista fisico, ma anche e soprattutto mentale. Si tratta di una di quelle discipline che sono in grado di trasmettere un’educazione ai ragazzi ad avere rispetto ed essere leali nei confronti di un altro essere vivente, in questo caso di un cavallo.

Equitazione e bambini, ecco quali sono i benefici

Ebbene, sono in tanti i bambini che vorrebbero imparare a cavalcare, ma non è così semplice, anche se i centri che permettono tale attività, in fondo ci sono e non sono nemmeno pochi. L’equitazione è il solo sport che viene eseguito in compagnia di un altro essere vivente. Prima che al risultato sportivo, quindi, bisogna capire come entrare in sintonia con il cavallo, come sviluppare un rapporto con lui.

Diversi addetti ai lavori hanno sottolineato come si tratti di un’attività sportiva in grado di donare numerosi effetti psicologici e pure di natura fisica. Infatti, il fatto di praticarlo all’aria aperta e in simbiosi con la natura è fondamentale. Inoltre, consente pure di fare grandi passi in avanti nella gestione della respirazione, così come di migliorare l’attività cardiaca e di trasmettere il giusto allenamento ai vari muscoli del corpo, a partire dalla zona addominale fino ai glutei e ovviamente quelli delle gambe.

A che età iniziare

Tanti genitori si chiedono quale possa essere l’età giusta per cominciare ad andare a cavallo. Ebbene, secondo gli esperti i bambini possono iniziare a prendere confidenza con questi animali anche quando sono piccoli. Ad esempio, quando hanno 4 anni possono già iniziare a salire in groppa al cavallo, svolgendo delle attività semplicemente ludiche, ma che hanno l’obiettivo di stabilire un primo approccio empatico e fidarsi del cavallo.

Poi, una volta raggiunti gli 8-9 anni, i bambini possono essere pronti per iniziare ad affrontare un po’ tutti gli aspetti che caratterizzano la disciplina dell’equitazione, soprattutto dal punto di vista agonistico. Già verso questa età si possono cominciare a fare le prime gare, che non devono però essere affrontate con stress, ma in maniera simpatica e divertente, come semplice test del lavoro svolto nella quotidianità.

Commenti

commenti