Giochi e gentilezza, ecco quali sono i migliori per l’educazione dei bambini

0
64
feste di compleanno

Esistono tanti giochi per sviluppare la gentilezza, al punto tale che sono stati ribattezzati giochi etici di movimento. L’obiettivo, tramite queste attività, è quello di provare a stimolare il più possibile la socialità dei bambini, facendo in modo di trasmettere loro un’educazione improntata all’empatia.

Giochi e gentilezza, sviluppare empatia nei bambini

Per tanti genitori potrebbe essere una scoperta vera e propria, eppure esistono dei giochi che favoriscono l’insegnamento della gentilezza. I bambini hanno a disposizione, tramite un’attività divertente, la possibilità di imparare mediante il gioco e il movimento cosa vuol dire essere empatici, ma anche gentili rispetto alle altre persone.

La comunicazione

Questi giochi non sono altro che degli strumenti di comunicazione, che offrono la possibilità di apprendere nuovi sistemi per essere più gentile e favorire ovviamente la crescita di un bambino o di una bambina, sia dal punto di vista comportamentale, ma anche motorio e cognitivo.

Giochi che si possono fare ovunque

Uno dei tanti vantaggi di questi giochi è che possono essere messi in atto praticamente ovunque. Si va dal poterli fare durante un’attività sportiva fino all’interno dell’ambito scolastico, oppure anche a casa o nelle varie attività che caratterizzano il tempo libero. Da sottolineare anche un altro aspetto, ovvero che possono essere svolti non solo con gli insegnanti, ma anche con i genitori oppure con dei compagni di scuola.

I consigli di Giocopedia della Gentilezza

I giochi che vi stiamo per proporre sono stati lanciata dalla pagina di Giocopedia della Gentilezza, come un ottimo sistema di allenamento per diventare ancora più gentili e dedicato ai bambini in età scolare. Quindi, per imparare come il gioco sia un momento assai prezioso per tutte le componenti all’interno di una famiglia.

Il girotondo gentile

Il primo gioco che serve per sviluppare empatia e gentilezza è quello che è stato ribattezzato “girotondo gentile”. In poche parole, si tratta di un gioco che si può fare davvero in qualsiasi posto: sono sufficienti dei cartoncini colorati e la volontà di dare un bell’abbraccio. Si può arrivare fino a 34 bambini che partecipano al gioco, di età compresa tra 6 e 10 anni e dura circa una mezz’oretta.

Come si gioca

Il gioco in questione è semplice: si comincia con un girotondo a ritmo musicale e si guardano gli altri partecipanti, provano ad assegnare a ciascuno una qualità. Nel momento in cui la musica viene stoppata, allora bisogna scegliere uno dei bambini ad abbracciare e a cui dire una parola gentile che possa rendere merito alla qualità decisa in precedenza.

Commenti

commenti