Giochi per sviluppare l’intelligenza, come allenare il tatto con la carta

0
1213
Giochi per sviluppare l’intelligenza

L’educazione Montessoriana è particolarmente diffusa in tutta Italia, dal momento che ne vengono riconosciuti vari effetti benefici. La famosa studiosa sosteneva come la stimolazione e l’affinamento dei sensi consente di estendere il campo della percezione di ciascun bambino, garantendo in questo modo un più facile sviluppo dell’intelligenza. E tale sistema educativo ha previsto anche tanti giochi per sviluppare l’intelligenza.

Giochi per sviluppare l’intelligenza secondo Montessori

Il bambino, quindi, tramite movimento e i sensi, ha la possibilità di conoscere e scoprire tutto ciò che si trova intorno a sé, ma anche per far crescere la sua intelligenza. Il metodo di Maria Montessori prevede che un ruolo primario sia lasciato alle attività che sono in grado di stimolare lo sviluppo psichico e fisico dei bambini. Nello specifico, nell’arco temporale che va dai tre fino ai sei anni.

Capire il tatto usando la carta

Quindi, tra i vari giochi per sviluppare l’intelligenza, troviamo alcune attività che servono proprio a comprendere meglio il tatto usando la carta. Tutto ciò che serve è un foglio di carta vetrata ruvida, un foglio di cartoncino liscio, da cui poi si dovranno ritagliare sei pezzi e poi un cestino dove buttarli.

Attività del metodo montessoriano

Si tratta di un’attività tipica del metodo montessoriano, che si può svolgere praticamente in ogni luogo. E, inoltre, è un gioco dedicato soprattutto ai più piccoli, a partire dai 2 anni in su. Ciascun esercizio con del materiale sensoriale prevede di usare un numero limitato di stimoli che siano in contrasto tra loro, per poi andare su oggetti che abbiano delle differenze sempre meno marcate.

L’obiettivo del gioco

Lo scopo è quello di riuscire a distinguere, dal punto di vista tattile, oggetti lisci e oggetti ruvidi. Di conseguenza, si richiede di cominciare con una superficie completamente liscia e un’altra decisamente ruvida.

Sedersi di fronte al bambino

La prima cosa da fare è quella di sedersi in una posizione in cui il bambino può vedere senza problemi il cestino che si trova di fronte a lui. Usate i rettangoli di carta vetrata e quelli di cartoncino. Da sinistra verso destra, bisogna far passare le dita del bambino, con calma, sulle varie carte, sottolineando ruvida o liscia a seconda del tipo di cartoncino. Ciascun pezzo ruvido va posto a sinistra.

Carta ruvida e carta liscia

Ripetete la stessa operazione, mettendo però la carta liscia direttamente a destra nella sequenza. Lasciate al bambino due pezzi di carta e poi suggeritegli di toccarli con le dita, ripetendo con calma “ruvido” oppure “liscio”. A questo punto, dovrete mischiare tutti i cartoncini nel cestino e lasciare che sia il bambino a provare a riconoscere quelli ruvidi da quelli lisci.

Commenti

commenti