Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze, ancora troppe violenze

0
129
Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze

Ieri, 11 ottobre, si è svolta una di quelle manifestazioni che dovrebbero certamente ricevere maggiormente visibilità in ambito mediatico. Stiamo facendo riferimento alla Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze, che è stata espressamente organizzata da parte delle Nazioni Unite.

Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze, si festeggia l’11 Ottobre

L’obiettivo di tale giornata è quello di fare il possibile per divulgare i diritti umani delle bambine. Secondo le statistiche che sono state raccolte, pare che ci sia ancora una netta differenza tra i maschi e le femmine. Per non parlare delle decine e decine di forme di discriminazioni che sono ancora in atto, oltre ai vari abusi che le bambine sono costrette a subire.

Nata sette anni fa

La Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze è stata creata ben sette anni fa, con uno scopo ben preciso: ovvero, provare a sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica. E soprattutto fare in modo che i diritti delle bambine e delle ragazze non rimangano solo stampati su carta, ma vengano effettivamente rispettati nella vita di tutti i giorni.

La risoluzione 66/170 del 2011

Le Nazioni Unite hanno battezzato questa importante giornata come la International Day of the Girl Child, mediante la risoluzione 66/170 emanata nel dicembre del 2011. Serve maggiore attenzione sulla difesa dei diritti delle bambine, così come la forte esigenza di favorire il più possibile l’emancipazione.

I matrimoni precoci

Le spose bambine rappresentano uno di quei drammi di cui non si vorrebbe mai parlare. Basti pensare che ogni anno, in tutto il mondo, qualcosa come 12 milioni di bambine e ragazze, in oltre il 20% dei casi quindi, si sposano prima del compimento della maggiore età. Non è finita qui, visto che se i matrimoni precoci dovessero seguire questo trend, entro il 2030 saranno ben 134 milioni le minorenni che contrarranno matrimonio prima dei 18 anni.

La piaga delle spose bambine

La piaga delle spose bambine è anche strettamente legata alla mancanza di educazione. Qualora le adolescenti di tutto il mondo avessero le condizioni e gli strumenti per terminare gli studi relativi alla scuola secondaria, si stima che entro il 2030 possano essere evitati qualcosa come 50 milioni di matrimoni precoci.

Aumentano in Italia i reati in cui le vittime sono i minori

Non solo matrimoni tra minorenni, ma anche minori come vittime di un numero sempre più alto di reati. Nel 2018, solamente in Italia, le statistiche sono veramente impietose. I reati che hanno avuto dei minori come vittime sono ben 5788, circa l’8% in più in confronto al 2017. E addirittura si tratta del 43% in più in confronto al 2008, quando erano solamente 4061.

 

Commenti

commenti