Noia estiva, ecco quando può diventare un beneficio per i bambini

0
32
estate bambini

La noia estiva è uno dei più grandi crucci per tutti i genitori. Sì, dal momento che, spesso e volentieri, i bambini in estate finiscono con l’annoiarsi. D’altronde, hanno così tanto tempo libero che tante volte non hanno la più pallida idea di che cosa fare. E per i genitori questo diventa un grandissimo problema. È sempre corretto, però, preoccuparsi in questo modo?

Noia estiva, è solo frustrazione o c’è anche altro?

La noia estiva può diventare un’insoddisfazione che deriva dalla frustrazione, soprattutto nei confronti di una realtà che perde di ogni tipo di significato. Il tempo comincerà a scorrere in modo talmente lento che quasi non si vede l’ora che le vacanze finiscano il prima possibile.

I genitori cercano di porre rimedio in questo modo…

Ebbene, la noia estiva deve essere riempita: i genitori, nella maggior parte dei casi, pensano di poter colmare tale vuoto puntando sulla tv piuttosto che su altri device tecnologici, come smartphone e tablet. Il fatto che si accendano da soli è un grande vantaggio, visto che il bambino non deve fare troppa fatica, ma al contempo non serve nemmeno dedicare loro eccessive attenzioni.

Per chi non lo sapesse, i bambini di età compresa tra 4 e 6 anni possono essere tutti considerati dei piccoli artisti naturali. Infatti, è sufficiente mettere a loro disposizione una serie di strumenti come fogli, pennelli, matite e quant’altro ed ecco che potranno dare sfogo a tutta la propria creatività, lasciando che lavorino da soli facendo uso della loro fantasia e immaginazione.

La lettura è un rimedio che non passa mai di moda

I bambini che hanno un’età compresa tra 7 e 9 anni, invece, la cosa migliore da fare per combattere la noia estiva è quella di optare per un rimedio che può tornare buono anche in tanti altri periodi dell’anno. Stiamo facendo riferimento alla lettura: in questo senso, in casa è sempre meglio avere un bel po’ di libri a disposizione che i bambini potranno curiosare.

Giocare e correre in cortile in totale autonomia

Uno degli aiuti più importanti per i genitori per evitare che i bambini si annoino durante la stagione estiva, è sicuramente il cortile. Si può considerare alla stregua di un caro, vecchio, rimedio, ma è pur sempre efficace, nonostante il passare degli anni. In questo caso, bisogna lasciare che i bambini possano giocare in totale autonomia, facendoli correre all’interno del cortile da soli. Un po’ come avveniva nel passato, quando ancora i campus non esistevano.

Commenti

commenti