Soffiarsi il naso, ecco come si può insegnare al bambino

0
141
Soffiarsi il naso

Può capitare piuttosto di frequente che i bambini non siano in grado di svolgere in maniera autosufficiente delle operazioni particolarmente semplici. Anche delle attività come soffiarsi il naso, ad esempio, possono rappresentare un vero e proprio problema. Al punto tale che lo diventa anche per i genitori.

Soffiarsi il naso, è tanto difficile?

In questo articolo andremo alla scoperta di alcuni utili suggerimenti per insegnare al proprio bambino come soffiarsi il naso. Di seguito troveremo un ottimo e simpatico gioco che potrà portare al conseguimento del risultato finale, ovvero l’autosufficiente del bimbo nella pulizia del naso.

Molte volte non è un capriccio, ma…

Ci sono tanti bambini, anche piuttosto in là con l’età, che non si sono ancora abituati a soffiarsi il naso. Anzi, spesso e volentieri devono ancora intervenire i genitori in loro aiuto. Quando ormai sono grandicelli, queste situazioni non dovrebbero più accadere. Nella maggior parte dei casi, però, non si tratta di un capriccio e nemmeno di un atto di testardaggine.

Ecco un divertente e utile giochino

Infatti, in tantissime situazioni, i bambini non riescono proprio a controllare il movimento necessario per soffiarsi il naso. Quindi, ecco come i genitori possono proporre un giochino molto divertente per aiutarlo a imparare le basi per soffiarsi il naso in modo semplice e rapido. Dicendo una volta per tutte addio al muco che l’ha intasato fino a quel momento.

Di cosa avete bisogno

La prima cosa da fare è quella di dotarsi di una pallina da ping pong e di una piccola scatola di cartone. La pallina deve essere collocata al centro del bordo del tavolo e esattamente dall’altro lato va messa la scatola di cartone. Immaginate il tavolo come un campo da calcio e le due porte rappresentate dalla scatola di cartone e dalla pallina da ping pong.

Come si gioca

In poche parole, il gioco prevede di soffiare, con il naso e non con la bocca ovviamente (altrimenti ci sarà una squalifica), contro la pallina. L’obiettivo sarà quella di indirizzarla proprio verso la scatola di cartone che abbiamo prima collocato dall’altro lato del tavolo come se fosse una porta. Quindi, si dovrà fare un goal in questo modo.

La dimostrazione di mamma e papà

Chiaramente dovranno essere mamma e papà a mostrare al bambino come iniziare a giocare e guidarlo nel soffiare il naso per far muovere la pallina. Una volta che ha imparato, si possono iniziare anche delle divertenti sfide. Provate a gareggiare in tre minuti: chi riesce a fare più goal in questo lasso di tempo ha vinto! D’ora in avanti, quando il bambino deve soffiarsi il naso, è sufficiente ricordargli come debba usare la stessa tecnica fatta per fare goal con la pallina da ping pong.

Commenti

commenti