Mamma speciale: l’incredibile storia di Amelia Bannan che ha commosso tutti

0
781
mamma speciale Amelia Bannan

A volte le notizie drammatiche possono trasformarsi in bellissime favole. Non capita molte volte nella vita di tutti i giorni. È vero, però, che quando succede, tutti noi proviamo una sensazione pazzesca nei confronti di quella meravigliosa macchina che prende il nome di vita. A volte si ottiene molto di più di quello che si dà. Altre volte è il contrario. Questa mamma, però, è stata protagonista di un’esperienza che ha davvero dell’incredibile.

Una mamma speciale: si sveglia dal coma e abbraccia suo figlio per la prima volta

Essere in coma. Vedere la morte in faccia. Risvegliarsi e ritrovare il proprio mondo. E conoscere il proprio figlio, vedendolo per la prima volta dopo che era nato da tre mesi. Si tratta di una storia che forse nemmeno una sceneggiatura di un film avrebbe potuto rendere così bella e avvincente. Eppure stavolta c’è stato un lieto fine e ha portato una ventata di gioia inaspettata.

L’incredibile e miracolosa storia di Amelia Bannan

La storia è quella di Amelia Bannan. Tutto ha avuto inizio in Argentina. Siamo alla vigilia di Natale. E nasce un bellissimo bambino di nome Santino. La madre, però, lo potrà tenere finalmente tra le sue braccia solamente tre mesi dopo. Ad aprile, quando si è risvegliata dal coma.

Un incidente gravissimo mentre era in servizio

Amelia Bannan è una poliziotta di 34 anni. La sua vita era in bilico dopo che un incidente stradale l’aveva ridotta in gravissime condizioni. Tutto mentre era in servizio. In quel periodo, però, Amelia si trovava al sesto mese di gravidanza. Da quel momento in avanti, la sua vita in ospedale dipendeva dalle macchine a cui era attaccata. Senza conoscenza, ma con un bambino ancora sano in grembo, che proseguiva nella sua crescita.

Il primo risveglio dal coma e il difficile parto

Dopo la metà di dicembre, Amelia ha riaperto gli occhi, cominciando ad avere le contrazioni. La viglia di Natale è stata incredibile. Prima il cesareo d’urgenza e poi la nascita del suo primogenito. Si tratta di un bimbo, chiamato Santino, dal peso di 1890 grammi e in buona salute. Purtroppo Amelia, intanto, è ripiombata di nuovo in coma. E fino all’8 aprile non aveva più ripreso conoscenza.

Il secondo risveglio dal coma e l’abbraccio con il figlio

Il fratello Cesar e un’altra sorella stavano parlando vicino al suo letto. Quando ad un certo punto le hanno sentito dire un “sì”. Ebbene, era proprio Amelia, che stava ascoltando e aveva risposto alle loro domande. Si è trattato di un’emozione davvero incredibile, per cui tutti i familiari sono letteralmente rimasti senza parole. Al momento Amelia è ancora in clinica, sotto osservazione. Le sue condizioni migliorano di giorno in giorno, ma per il momento non si possono ancora confermare le conseguenze dell’incidente sulla sua salute. Una fantastica storia di una mamma e di un genitore coraggioso. E una storia di miracoli, ancora possibili.

Commenti

commenti