Alcol e adolescenti: come devono spiegarlo i genitori

0
1314
alcol e adolescenti

Alcol e adolescenti: non sempre si tratta di un binomio semplice da comprendere. Soprattutto per i genitori, che spesso fanno grande fatica nel spiegare questo tipo di situazioni ai propri figli. Nello specifico non sanno proprio come approcciarsi con la prole adolescente per metterla in guardia dei pericoli derivanti dal consumo di bevande alcoliche.

Alcol e adolescenti: come comunicare in modo efficace

I ragazzi devono capire e ci deve essere qualcuno che possa spiegare loro tutte queste cose in modo chiaro ed efficace. I genitori devono evitare la paternale, ma devono sapere descrivere e spiegare i limiti. Tale condivisione di pensieri deve essere fatta in un’ottica realistica. In questo modo, conoscendo i limiti, saranno gli stessi adolescenti a poter avere un’adeguata capacità di gestione del rischio.

Quali sono gli aspetti che fanno paura ad un adolescente?

Spesso i ragazzi cominciano a bere perché hanno paura di qualcosa. Ad esempio, di essere esclusi dalla loro compagnia di amici. Altre volte, per evitare di subire una sanzione collettiva che rischia di rovinare la serata. Al tempo stesso, però, gli adolescenti hanno paura anche delle possibili conseguenze di un eccessivo consumo di alcol. Quindi dell’obesità e di tutte le varie patologie. Come ad esempio cancro e oltre 220 malattie.

Come può un genitore capire se i propri figli consumino spesso bevande alcoliche?

L’alcol non può veramente sfuggire dalla gestione dei genitori. Stiamo parlando pur sempre di una sostanza volatile, che presenta un odore ben caratteristico. Questo odore si può facilmente percepire quando l’adolescente parla. Oppure si può sentire all’interno della camera da letto. È importante prestare attenzione al rendimento scolastico. Il deficit cognitivo è di solito di memoria e può comportare un abbassamento del rendimento scolastico nel giro di pochi mesi. È proprio questo un aspetto che non deve essere sottovalutato. Al contempo, è bene capire se il figlio abbia fatto uso anche di cannabis.

Cosa bevono di più i ragazzi?

La problematica principale, in età adolescenziale, è rappresentata dal binge drinking. Il weekend è davvero il momento perfetto per poterlo mettere in atto, bevendo di tutto tra aperitivi, dopo cena e feste in discoteca. Quindi, si passa facilmente dalle birre fino ai cocktail superalcolici, senza dimenticare ovviamente i white spirit superalcolici. E le bottiglie di vino? Anche quelle vengono spesso consumate, magari mischiandole tra loro, peggiorando ancora di più la loro qualità.

Alcol e adolescenti: il rischio si può prevenire?

La prevenzione passa indubbiamente dall’ambito familiare. Quindi, dalla condivisione dei sentimenti e chiaramente dalla comunicazione. Qualcosa di cui tanto si parla, ma che spesso è difficile da far emergere. La comunicazione con i figli diventa uno spazio in cui ascoltare. E saper ascoltare degli adolescenti non vuol dire limitarsi a sentire quanto viene da loro pronunciato. Significa anche prestare attenzione ai comportamenti, ai silenzi e agli stati d’animo.

Commenti

commenti