Dislessia nei bambini: i tre campanelli d’allarme da non sottovalutare!

0
643
dislessia nei bambini

Il problema della dislessia nei bambini è certamente uno di quelli maggiormente complicati da affrontare. Il pericolo è quello di non riuscire ad accorgersi dei sintomi. E quando ciò avviene, spesso tali bambini vengono criticati pensando che siano sempre pigri, privi di attenzione e di voglia di fare. Eppure la situazione, in realtà, è completamente diversa.

Dislessia nei bambini, difficoltà a leggere e scrivere

La dislessia nei bambini porta ad un’estrema difficoltà anche solo nell’imparare le basi della lettura. Non sono in grado di imparare in maniera rapida e spesso e volentieri finiscono con non comprendere quello che stanno leggendo. E se a prima vista potrebbe sembrare tutta una questione di poca attenzione e concentrazione, è necessario approfondire per cosa si cela dietro a tale situazione.

Influenza l’andamento scolastico

Tutti quei bambini che soffrono di dislessia, infatti, hanno dei problemi importanti sia nella lettura che nella scrittura. Al punto tale che anche i voti a scuola ne risentono in peggio. Il disagio che provano nel momento in cui non riescono a leggere oppure a scrivere alla perfezione come vorrebbero, è anche difficile da spiegare a parole.

L’intelligenza non è in discussione

I bambini che soffrono di dislessia, è bene sottolinearlo, sono intelligenti. Non hanno alcun tipo di problema dal punto di vista sensoriale piuttosto che neurologico. Il loro cervello, infatti, presenta unicamente un funzionamento un po’ differente. Ecco spiegato il motivo per cui capiscono e percepiscono le cose in maniera diversa. Con una distinzione e manipolazione dei suoni meno precisa ed efficace rispetto ai bambini che non hanno di questi problemi.

Altri familiari ne soffrono?

La dislessia si manifesta, prima di tutto, con una notevole difficoltà nella lettura. Cerchiamo di capire meglio quelli che possono rappresentare i più importanti segnali di allarme della dislessia. L’osservazione di bambini che hanno difficoltà di lettura e scrittura anche dopo diversi mesi di scuola dovrebbe essere ancora più approfondita se ci sono degli altri componenti della famiglia che hanno sofferto del medesimo disturbo.

Primo campanello d’allarme

Il primo campanello d’allarme fa riferimento alle abilità fonologiche. Ovvero si tratta di quelle capacità o meno di effettuare una discriminazione tra suoni che si somigliano. E anche di segmentare i suoni delle parole in sillabe costituenti. Il secondo segnale di allarme della dislessia nei bambini è rappresentato da una grande difficoltà a trovare la parola giusta.

Secondo e terzo campanello d’allarme

Il secondo campanello d’allarme è semplicemente rappresentato da un’incapacità di trovare una veloce denominazione. Il terzo segnale di “pericolo” è quello relativo ai deficit che colpiscono la capacità visiva. In poche parole, i bambini che soffrono di dislessia hanno notevoli difficoltà ad estrare dal contesto visivo l’informazione primaria da quelle inutili.

Commenti

commenti