Inquinamento: cresce ancora il numero di tumori infantili in Italia

0
491
inquinamento bambini

Purtroppo, non arrivano buone notizie dall’ultima ricerca sui tumori infantili in Italia. I dati che sono stati divulgati da parte del Ministero della Salute, infatti, non fanno sperare assolutamente nulla di buono. Le statistiche parlano chiaro: i tumori infantili sono in costante aumento, pari al 90% sul territorio italiano.

Inquinamento e tumori infantili

Dando una veloce lettura alle statistiche in questione, i bambini e gli adolescenti presentano una maggiore esposizione al rischio di subire questo tipo di tumori. Stando alla ricerca, la principale causa di questa rinnovata tendenza è rappresentata dal contino aumento dell’inquinamento ambientale.

A rischio sempre più bambini

Nello specifico, ad essere maggiormente a rischio sono i bambini e gli adolescenti che vivono nella zona meridionale del continente europeo. L’incremento è di quelli che fanno decisamente preoccupare: è pari al 90%, in relazione alle malattie tumorali, nelle aree maggiormente inquinate in Italia. I dati sono stati forniti, come detto, dal Ministero della Salute.

Allarme vero e proprio

Un vero e proprio grido di allarme, che è emerso nel corso dell’ultimo convegno “Emergenza cancro – Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”. L’evento si è svolto pochi giorni fa a Roma, grazie all’organizzazione e all’impegno della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e alla collaborazione fruttuosa di Confassociazioni Ambiente.

I dati del Ministero della Salute

Due anni fa, il Ministero della Salute aveva sviluppato una sorta di cartina relativa alle zone con maggiore contaminazione sul territorio italiano. Quindi, tutti quei luoghi in cui c’erano più probabilità di poter contrarre una patologia oncologica. I tumori maggiormente diffusi sono il cancro alla mammella, quello alla tiroide, il mesotelioma. Queste tre malattie, tra l’altro, sono quelle che derivano dall’esposizione a sostanze ad alto grado di tossicità.

Lo studio di IARC

Come se non bastasse, la preoccupazione più evidente è quella legata ai tumori infantili, che hanno una chiara tendenza ad aumentare. Lo studio che è stato portato a termine in 62 Nazioni da parte dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha trovato poi spazio un anno fa su Lancet Oncology.

Anche lo studio Sentieri conferma

Notizie altrettanto negative arrivano dallo studio Sentieri, da cui è emerso come l’allarme cancro sia diffuso soprattutto tra i bambini. Le statistiche che sono legate al periodo che va dal 2006 al 2013 lasciano spazio a pochi dubbi. L’incremento di tumori maligni ha coinvolto soprattutto il 9% dei bambini e ragazzi tra 0 e 24 anni. Nello specifico, i linfomi Non-Hodgkin, i sarcomi che vanno a colpire i tessuti molli e le leucemie mieloidi acute sono quelli più diffusi.

Commenti

commenti