Mamme single, una gravidanza da sole si può affrontare: ecco come!

0
166
mamme single

Nel corso degli ultimi anni, per varie motivazioni, è cresciuto sempre di più il numero di mamme single. Anzi, a dire la verità nell’ultimo trentennio le statistiche dicono che è raddoppiato il numero delle mamme che sono costrette a crescere i propri figli in totale solitudine, senza avere al proprio fianco l’aiuto di un compagno.

Mamme single: una situazione complicata, ma che si può affrontare

Si tratta, chiaramente, di una situazione particolarmente complicata, che spesso porta a numerose difficoltà, soprattutto dal punto di vista psicologico. A dispetto di quello che tanti possono pensare, però, è una condizione che si può affrontare, anche grazie all’aiuto di amici e della propria famiglia, ma non solo visto che esistono tante associazioni e professionisti specializzati.

I dati Istat

Stando alle statistiche che sono state diffuse dall’Istat, infatti, le mamme single in Italia sono addirittura 893 mila. Chiaramente, rispetto a trent’anni fa, è cresciuto il grado di istruzione, di occupazione e anche l’età delle mamme che si trovano ad affrontare una gravidanza senza avere al proprio fianco un compagno.

Il divorzio

Gran parte delle mamme single sono donne che si sono separate oppure hanno affrontato un divorzio. In realtà, però, è aumentato anche il numero di madri nubili, quasi raddoppiato. Come abbiamo detto, le mamme single sono anche più grandi rispetto al passato. Ora le donne comprese tra 45 e 54 anni sono ben il 31,8%, mentre quelle tra i 35 e i 44 anni sono il 45,3%.

La famiglia

Ogni tipo di situazione in famiglia rappresenta senz’altro un’ottima base da cui attingere per creare quella rete di salvataggio che consente di crescere in maniera serena il proprio bambino. È necessario moltiplicare le relazioni: questo non vale esclusivamente per il bambino, ma anche a supporto della mamma.

Svolgere attività per sé stesse

Ci sono alcuni consigli che possono senz’altro tornare molto utili a tutte le mamme single. Partiamo dal fatto di dover dedicare tempo a sé stesse. Può essere una buona idea svolgere delle attività come lo yoga, oppure frequentare dei gruppi in piscina: tutte situazioni che permettono di ridurre notevolmente lo stress e le tensioni connesse alla gravidanza.

Una rete di sostegno

Come abbiamo detto, un altro punto importante è quello che prevede di realizzare una vera e propria rete di sostegno. Le mamme single, infatti, necessitano di un gran calore, supporto e accoglienza. La responsabilità che sta per giungere, quella di avere un figlio, è grande: per questo possono tornare utili i consultori oppure le varie associazioni specializzate, senza aver timore di chiedere una mano.

Commenti

commenti