Seggiolini auto: genitori italiani, ma cosa state combinando?

0
761
seggiolini auto

I seggiolini auto sono fondamentali. Quanti genitori, però, lo sanno? E quanti altri lo usano in ogni occasione? Si tratta di dispositivi spesso fondamentali per la protezione della vita dei bambini. Infatti, permettono di evitare che nel caso in cui si verifichino degli incidenti, i bambini riportino gravi conseguenze. Sembra, però, che i seggiolini auto non siano una priorità per un gran numero di genitori.

Seggiolini auto: solo il 40% dei genitori rispetta la legge

Infatti, solamente 4 genitori su 10 usano i seggiolini. L’ultima indagine del rapporto Ulisse svolta dall’ISS ha fatto emergere alcuni dati davvero preoccupanti. I seggiolini auto, infatti, vengono utilizzati con regolarità solamente nel 59,1% dei casi al Nord. La percentuale cala molto nelle regioni dell’Italia Centrale, ferma al 40,2%. Cifre drammatiche, invece, nelle regioni dell’Italia Meridionale e nelle isole. Qui, la percentuale cala fino al 16,7% dei genitori.

Ecco perché non vengono usati i seggiolini

E un’altra indagine svolta da Altroconsumo mette in evidenza le motivazioni che spingono tanti genitori a non usare i seggiolini auto per i figli. I motivi, quindi, sono davvero svariati. Circa il 33% dei genitori non impiega il seggiolino perché il percorso da fare in auto è particolarmente breve o bisogna attraversare zone prive di traffico. Nello specifico, tale dispositivi non viene usato a maggior ragione quando il bambino ha un’età compresa tra 4 e 7 anni.

Le motivazioni più diffuse e… Pericolose

Nel 75% dei casi, i genitori sono fermamente convinti che in realtà il pericolo sia notevolmente basso. In altri casi non vengono usati i seggiolini per auto perché i figli cominciano a fare capricci. Altre volte, nel 14% dei casi, qualcun altro tiene in braccio il bambino. Infine, nel 25% dei casi, i seggiolini non vengono usati semplicemente perché si percorre tra il tragitto (o almeno si pensa) a bassa velocità.

Urto a bassa velocità? Ha gli stessi effetti di una caduta dal secondo piano di un palazzo

Come sottolineato dal segretario nazionale delle Autoscuole Unasca, Emilio Patella, l’uso del seggiolino è fondamentale. Anche un incidente verificatosi a 40 km/h può portare ad un urto equivalente alla caduta dal secondo piano di un edificio. Inoltre, dallo scorso mese di gennaio sono entrate in vigore delle nuove normative. Per i figli che sono alti meno di 125 centimetri, deve essere obbligatoriamente usato lo schienale.

53 vittime tra 0 e 13 anni di incidenti stradali nel 2016

Nel corso del 2016 gli incidenti stradali in Italia hanno mietuto ben 53 vittime di bambini compresi tra 0 e 13 anni. Si tratta di un aumento di undici casi in confronto al 2015. Sempre in base ai dati dell’Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, è stato registrato un altro pericoloso aumento. Si tratta degli incidenti importanti, a quota 1049, con ben 1312 feriti che hanno presentato lesioni molto importanti. E i genitori, in gran parte dei casi, sono i primi e più diretti responsabili.

Commenti

commenti