Sostituirsi ai figli a scuola: cari genitori, ecco perché non va bene!

0
273
Sostituirsi ai figli a scuola

Sono davvero numerosi i genitori che hanno una vera e propria mania, ovvero quella di sostituirsi ai figli a scuola. Ovviamente ci stiamo riferendo a tutti quei genitori che decidono di fare i compiti al posto dei figli e tamponare un po’ tutte le sue mancanze. Il consiglio, però, è quello di modificare subito tale comportamento, altrimenti il bambino ci metterà ancora più tempo a crescere.

Sostituirsi ai figli a scuola: i tempi cambiano

Insomma, i tempi cambiano e anche in fretta. E i genitori, al giorno d’oggi, al posto che rispettare la giusta distanza, fanno di tutto per valicare tali confini. Insomma, i genitori finiscono con l’essere sempre in mezzo e pensano che una comune dimostrazione di amore consista anche nell’appropriarsi di attività a cui devono dedicarsi esclusivamente i bambini.

Perché non va bene

Diversi psicoterapeuti, infatti, hanno messo in evidenza un comportamento sbagliato che è, però, comune a tanti genitori. ovvero quello di sostituirsi ai figli a scuola e levare loro di dosso praticamente ogni tipo di ostacolo. In questo modo, però, l’effetto negativo è quello di non aiutarli in alcun modo nello sviluppo della loro personale autonomia.

Segnale di sfiducia verso i figli

Al tempo stesso, in questo modo i genitori trasmettono ai figli un vero e proprio segnale di sfiducia. Insomma, è come dire loro che non riescono e non possono fare nulla senza la loro presenza. Vengono trasmessi dei principi del tutto sbagliati, ovvero quello di farsi fare i compiti da persone adulte e avere di conseguenza un indubbio vantaggio rispetto agli altri studenti.

Un controsenso

Ed è un comportamento che, in fin dei conti, rappresenta pur sempre un controsenso. Infatti, viene trasmessa anche un’idea del tutto errata dell’amore, che è legato direttamente alle prestazioni scolastiche. Insomma, se da una parte l’intenzione è quella di evitare che il figlio sprechi energia, faccia fatica e subisca delle delusioni, d’altro canto si pretende che sia sempre perfetto.

Bisogna cambiare

Di conseguenza, sono tanti gli psicologi che mettono in evidenza come i genitori debbano necessariamente forzare un cambiamento. Non è assolutamente questione di disinteressarsi rispetto ai figli, quanto piuttosto cercare di supportarli in modo più silenzioso, trasmettendogli al contempo anche molto meno ansie.

Come comportarsi?

Insomma, come ci si deve comportare quando vostro figlio vi chiede aiuto a scuola? Nel caso in cui si trovi di fronte ad un esercizio parecchio complesso, i genitori non devono svolgerlo al suo posto. Quanto piuttosto devono sedersi di fianco a lui e cercare di spiegargli come arrivare ad una soluzione. Basta con le giustificazioni anche con gli insegnanti: se sbaglia deve essere punito.

Commenti

commenti