Squat for change, nuovo movimento? I papà vogliono i fasciatoi anche…

0
187
Squat for change

Esiste un movimento organizzato e tenuto in piedi da un gruppo di papà, che chiede più eguaglianza e diritti. È tutto vero e si chiama Squat for change. L’obiettivo è quello di poter avere finalmente i fasciatoi anche all’interno dei bagni degli uomini e non solamente dislocati in quelli femminili.

Squat for change, rivoluzione culturale in atto?

Insomma, un vero e proprio cambio culturale, ma che d’altra parte è più che comprensibile. Per quale motivo un figlio deve essere cambiato sempre e solo dalle mamme? Non si può considerare un’attività esclusivamente dedicata alle donne e anche i papà dovrebbero aver diritto ad un fasciatoio nei bagni pubblici maschili.

La campagna su Instagram

Negli Usa è stata lanciata una campagna Instagram da parte di un insegnante americano, al grido di un hashtag, ovvero #squatforchange. Come si può facilmente intuire, c’è un solo obiettivo, ovvero quello di fare tutto il possibile per riuscire a sensibilizzare quanto basta l’opinione pubblica per poter finalmente avere dei fasciatoi anche nei bagni pubblici maschili.

Come è iniziato tutto questo

Tutto è cominciato da un semplice post sul famoso social network Instagram. L’intervento è stato pubblicato da un insegnante, nonché papà, americano, ovvero Donte Palmer. Probabilmente molto di più rispetto a quello che potesse mai aver immaginato, il post è cominciato a girare in forma virale per tutto il web, grazie ad una serie pazzesca di condivisioni.

Notizia virale

In men che non si dica la notizia è finita pure sui principali quotidiani, senza dimenticare come pure la CNN ne ha parlato. Il 31 enne Donte Palmer ha voluto mettere sotto gli occhi di tutti un problema già noto a tantissimi papà, che non hanno a disposizione uno spazio nei bagni pubblici maschili dove poter cambiare il proprio bambino.

Non è uno scherzo

Fin dall’inizio non si è trattato di uno scherzo, come ha voluto ribadire Donte Palmer all’interno del suo post, sottolineando quanto sia vergognoso che gli uomini non possano avere un fasciatoio nei bagni pubblici. L’unica cosa da fare, sostiene l’insegnante americano, è quella di continuare a protestare affinché qualcosa possa cambiare sul serio.

Serve risposta dalle autorità

Adesso, ovviamente si attendono tutti un’adeguata risposta da parte delle autorità, che prima o poi, volente o nolente, dovranno intervenire per chiarire la faccenda. D’altra parte, al giorno d’oggi ci sono anche tanti papà single che hanno l’onere di cambiare il pannolino al bambino quando sono a passeggio insieme e il fasciatoio nei bagni pubblici maschili dovrebbe davvero diventare una realtà di tutti i giorni.

 

Commenti

commenti