Test di gravidanza positivo: ecco quali sono le prime cose da fare

0
205
test di gravidanza positivo

Può capitare un po’ come un fulmine a ciel sereno, eppure si tratta di una cosa che può succedere nella quotidianità. Stiamo parlando del test di gravidanza positivo. Sono tante le persone, però, che non hanno la minima di come comportarsi in questi casi. Ecco, quindi, qualche utile consiglio per affrontare meglio questa situazione delicata.

Test di gravidanza positivo, come reagire

Nel momento in cui si notano le lineette colorate sul test di gravidanza positivo, la felicità e l’euforia dominano le emozioni dei futuri genitori. Pian piano, però, si fanno spazio anche altri sentimenti, tra cui ansia e preoccupazione. Proviamo a capire quali siano veramente le cose da fare immediatamente quando si scopre il test di gravidanza positivo.

Chiamare subito il ginecologo

La prima cosa da fare è quella di fare una chiamata immediata al ginecologo. Può essere quello abituale oppure uno dell’ospedale in cui si partorirà. In ogni caso, la cosa importante è quella di fare affidamento su un esperto in materia che possa godere della nostra fiducia. Il motivo è presto detto: sarà il punto di riferimento per i nove mesi di gestazione.

Integrare con acido folico

Il passo successivo è quello di cominciare ad assumere dell’acido folico. Infatti, si consiglia di effettuare un’integrazione a base di acido folico da 3 mesi o quantomeno un mese prima della gravidanza e per l’intero trimestre. È una precauzione fondamentale per poter scongiurare il rischio legate a delle anomalie congenite, nello specifico quelle che fanno riferimento al tubo neurale, come ad esempio la spina bifida.

Controllo dei farmaci

Un’altra cosa da fare è quella di verificare i farmaci che si stanno assumendo in questo periodo. Di conseguenza, si renderà necessario un consulto immediato con lo specialista di riferimento. Sarà quest’ultimo a prendersi la responsabilità di scegliere se continuare la terapia, modificarla oppure interromperla del tutto.

Occhio anche ai farmaci da banco

Al tempo stesso, è necessario chiedere consiglio al ginecologo anche prima di assumere ogni altro tipo di farmaco, compresi ovviamente quelli da banco. Inoltre, è meglio lasciare stare alcuni vizi, come alcol e fumo. Smettere di fumare permette di evitare svariati pericoli, come l’aborto o un parto prematuro, mentre eliminando l’alcol si può seguire una gravidanza più sicura e affidabile.

Precauzioni varie

Infine, si può cercare di mettere in atto delle precauzioni che possano combattere la toxoplasmosi. Ad esempio, si consiglia di mangiare esclusivamente delle carni che sono state cotte, oppure lavare in maniera estremamente precisa la verdura cruda, evitando qualsiasi contatto con le feci degli animali, in modo particolare il gatto.

Commenti

commenti