Asma nei bambini: sicuri che sia tutto a posto? Ecco un utilissimo quiz!

0
183
asma nei bambini

Spesso e volentieri i genitori di bambini che hanno l’asma sono perennemente alla ricerca di metodi per tranquillizzarsi. Eppure, non sono comunque in grado di tenere sotto controllo la situazione come sarebbe necessario. Almeno, questo è un quadro generale che è emerso da una recente ricerca made in Italy su questa tematica.

Asma nei bambini, ecco perché bisogna fare attenzione!

Circa il 50% dei bambini asmatica presenta un disturbo che non riesce ad essere controllato alla perfezione. Insomma, la metà dei bambini che soffrono di asma non sono tenuti sotto controllo a dovere. Le statistiche sono state diffuse grazie al primo studio italiano legato proprio al controllo di questa patologia.

Un nuovo studio

Questi dati sono stati rilasciati dopo controlli in ben 13 centri allergologici in tutta Italia. Lo studio in questione sarà svelato nel corso dei prossimi giorni, all’interno del congresso della Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica.

Le paure dei genitori

Una situazione che è rimasta tale per svariati motivi. In primo luogo, c’entra la grande paura dei genitori che i farmaci possano portare ad effetti collaterali nei bambini. Nello specifico, c’è una grande preoccupazione ad usare i farmaci cortisonici, soprattutto quelli che si somministrano per via inalatoria, dal momento che si pensa che potrebbero portare a diverse problematiche nello sviluppo dei bambini.

I consigli di Mariangela Tosca

Mariangela Tosca, che si occupa del Centro Allergologico dell’Ospedale Gaslini di Genova, ha voluto intervenire proprio su questo punto. Secondo le ricerche scientifiche in questione, gli effetti collaterali legati all’impiego di tali farmaci possono insorgere solamente in caso di trattamenti prolungati nel tempo e quando c’è da curare una forma molto grave di asma.

Cortisonici ed effetti collaterali

Nella maggior parte dei casi, quando la somministrazione dei cortisonici avviene basandosi sul dosaggio più basso, ecco che i benefici vanno ben oltre i potenziali effetti collaterali. Quando l’asma non viene controllato a dovere, ci possono essere conseguenze molto gravi e importanti: ecco spiegato il motivo per cui il ruolo dei genitori è fondamentale.

Il quiz realizzato da SIAIP

Può tornare utile, per capirlo, un apposito quiz realizzato da SIAIP. La prima domanda a cui risponde è il numero di volte in cui il bambino ha avuto dei sintomi asmatici negli ultimi trenta giorni (più di 2 volte l’asma non è controllato). Se ha frequenti risvegli notturni nell’ultimo mese l’asma non è controllato a dovere. Stesso discorso quando non riesce ad affrontare sforzi normali senza affannarsi e tossire, oppure se si usano farmaci broncodilatatori oltre due volte a settimana. Infine, il controllo medico deve essere costante, così come serve prestare la massima attenzione nel seguire scrupolosamente le terapie assegnate.

Commenti

commenti