Cyberbullismo, tutti i consigli per mettere ko tutti i bulli

    0
    721
    cyberbullismo

    I genitori non sono molto avvezzi alle nuove tecnologie e, di conseguenza, spesso non hanno la minima idea di come fare per poter aiutare i figli che sono oggetto di cyberbullismo. La prima cosa da fare, quindi, è quella di studiare la tecnologia che viene posta nelle mani dei propri figli. Chiaramente esistono delle differenzi tra la playstation e un iPhone.

    Cyberbullismo, dare il buon esempio

    Dare il buon esempio è una regola che paga sempre e in ogni campo. Ecco spiegato il motivo per cui, anche quando si tratta di formare i propri ragazzi in merito all’uso della tecnologia i genitori devono essere in grado di dare un insegnamento corretto mostrando quotidianamente come fare per gestire nel migliore dei modi gli strumenti tecnologici che si usano al giorno d’oggi.

    L’osservazione

    Un altro aspetto molto importante per i genitori è quello dell’osservazione. Insomma, dovrete capire come essere attenti, senza però esporvi eccessivamente. Nel momento in cui vostro figli ha in mano lo smartphone, sarà bene osservarlo a fondo. Attenzione, in modo particolare, alle sue espressioni, così come alle reazioni subito dopo che guarda il display.

    Educare all’uso dello smartphone

    Educare all’uso dello smartphone secondo la netiquette è molto importante. Infatti, è necessario spiegare ai propri figli che anche su internet esiste un codice di comportamento che bisogna seguire e che prende proprio il nome di netiquette. Insomma, è bene esporre nei minimi dettagli tutte le regole connesse all’uso di internet in ogni campo, social media compresi.

    Manca il senso del tono

    Una delle problematiche principali della rete e uno dei motivi per cui piuttosto di frequente si sviluppano degli attacchi che poi sfociano nel cyberbullismo è che sul web non c’è il senso del tono. Quindi, è importantissimo prestare attenzione al tono con cui vengono scritte certe cose, pensando che nella realtà il tono fa la differenza in ogni frase che viene detta.

    Bloccare una discussione a rischio

    I genitori devono essere in grado di insegnare ai figli come bloccare immediatamente una discussione che sta per prendere una piega piuttosto pericolosa. Insomma, tutti i flame, ovvero le discussioni particolarmente intense, sono sconsigliati, visto che i commenti negativi si rincorrono e possono finire in qualche episodio di cyberbullismo in men che non si dica.

    Come isolare i fiancheggiatori

    Importante anche che i genitori insegnino ai figli come scoprire quelli che si possono definire i fiancheggiatori, ovvero chi aiuta i bulli. È fondamentale insegnare ai figli a schierarsi sempre al fianco dei più deboli che vengono colpiti. Le impostazioni della privacy, in questo senso, sono fondamentali per eliminare tutti questi personaggi dalle liste di amici, tag compresi.

    Commenti

    commenti