Separarsi o stare insieme per i figli? Ecco cosa è meglio fare!

0
1362
Separarsi o stare insieme per i figli

Capita tante volte di litigare con il proprio partner e subito dopo di pensare di farla finita e di chiudere la relazione una volta per tutte. In alcuni casi, però, la presenza dei figli salva tutto e fa scomparire anche questi pensieri, che prima o poi, però, fanno inevitabilmente ritorno nella testa se le cose nella relazione non dovessero andare spesso per il verso giusto. Non amate la routine? E allora è meglio separarsi o stare insieme per i figli?

Separarsi o stare insieme per i figli: quale decisione prendere?

Quando in una coppia due persone non vanno più molto d’accordo, è bene capire quale sia la scelta giusta per separarsi o stare insieme per i figli. Nel caso in cui l’amore e la passione dei primi tempi sia ormai scemata e sia solamente un lontano ricordo e avete bisogno di cambiare, cosa fare quando ci sono anche dei figli di mezzo?

Cosa fare quando si arriva al bivio

Quando vi trovate al bivio e non avete la minima idea di cosa fare se separarsi o stare insieme per i figli, la prima cosa da fare è capire se la situazione rientri in quelle accettabili. In caso contrario, ad esempio in situazioni di violenza o maltrattamenti, anche a livello psicologico, non dovete avere il minimo tentennamento nell’interrompere immediatamente la vostra relazione.

I consigli di due esperte

Negli altri casi, i suggerimenti che arrivano da due esperte, di cui una lavora al Centro Minotauro di Milano possono essere molto utili. Si tratta di Mariolina Ceriotti Migliarese, neuropsichiatra infantile e Simona Rivolta, psicologa.

Quando la noia e la stanchezza vincono su tutto il resto

Nel momento in cui un rapporto di coppia assume i contorni della noia o della stanchezza, la tentazione di interrompere la relazione si va a scontrare inevitabilmente con la responsabilità come genitori. Non è possibile, nella maggior parte dei casi, che due coniugi stiano insieme esclusivamente per i figli e si rassegnino a vivere il resto della propria vita in uno stato di insoddisfazione e di sopportazione reciproca.

Il figlio una motivazione, al massimo, per riprovarci

Il figlio, in realtà, può rappresentare al massimo il motivo per riprovarci, per darsi una seconda possibilità. Per provare a ricucire il rapporto, prima di tutto bisogna capire come la crisi di coppia può rappresentare a volte anche un’opportunità per i due genitori. Nel momento in cui un rapporto finisce in una forte crisi, le motivazioni possono essere tantissime, ma in realtà è mancata la volontà di prendersi cura reciprocamente che all’inizio della storia era presente. Ci si può provare, si può lottare, ma se si nota che è impossibile arrivare ad una soluzione, i genitori non possono vivere il resto della loro vita in una totale insoddisfazione ed infelicità.

Commenti

commenti